Vincenzo Italiano presenta la sfida delicatissima contro la Sampdoria che può aprire l’Europa alla Fiorentina.

Partita fondamentale, come è stata preparata e che partita aspettarsi? Si sono fatte tante tabelle…

Puntualmente tutte le tabelle vengono stravolte, puoi fare tuttii calcoli ma alla fine le partite vanno giocate per vincere. Giocheremo dopo le altre ma noi dobbiamo cercare solo di fare più punti. Nelle ultime due dobbiamo sbaglaire il meno possibile. Sono gli ultimi due sforzi, gli ultimi allenamenti fatti come Dio comanda.

Come vede la squadra? Uno scatto in più da parte dei leader?

Allenarsi in una settimana è diverso, ma non che significhi vincere tutte le partite. Andiamo a giocare con una squadra che in casa dà l’anima. Si trasformano, Hanno avuto difficoltà in campionato ma possono rimediare contro di noi. Noi dobbiamo sapere che giochiamo contro una squadra che se è in giornata fa male a tanti e vince tante partite. Dai senatori, dai più esperti, dai più bravi aspettarsi di più? Io credo che devono tutti dare di più. Rimangono 6 punti, dobbiao ottenere il massimo per avere la coscienza pulita.

Serve una Fiorentina sfacciata?

Forse contro la Roma qualcuno se la aspettava meno coraggiosa ma il nostro modo di giocare è sempre stato questo. Sappiamo cosa rischiare e i vantaggi. Dipende certo dalla preparazioone ma anceh da come scendono in campo gli interpreti. Noi avremo semrpe quella voglia di fare un gol in più dell’avversario. Lunedì dobbiamo reggere bene anche senza palla,erché temo i loro attaccanti. Per l’ultima trasferta voglio la massima concentrazione in questo, che è un po’ il nostro punto debole.

La contemporaneità? O giocare di lunedì può essere un vantaggio?

Io sarei stato favorevole a giocare tutti insieme senza sapere nulla delle altre, Purtroppo non è posisbile e ci dobbiao adeguare. Non dobbiamo pensare a gestire la partita, perché non siamo capaci di gestire e fare calcoli, si è visto, non fa per noi.

Quanto migliorare sulla concretezza in queste ultime partite?

Come ho detto manca ormai poco e ci siamo portati dietro questo difettuccio della concretezza. A volte sono anche momenti di una partita o di una stagione. Tutti bisogna aggiungere quaclosa, alzare l’asticella. In futuro i nosri attaccanti devono essere molto più esigenti con loro stessi, quest’anno abbiamo buttato via troppe occasioni.

La Fiorentina ha giocato il miglior calcio in Italia? Imprescindibile un regista come Torreira la prossima stagione?

A Moena parlavamo delle idee su cui andare a lavorare. Tantissimo di quel sogno in testa siao riuscita a proporlo, poche volte abbaimo steccatodal punto di vista della prestazione. Se la Fiorentina ha giocato un buon calcio ne siamo contenti. Per il regista, quella è la zona più importante. Se gira il centrocampo gira tutta la squadra, questa è una regola del calcio. Torreira e Amrabat hanno caratteristiche diverse, abbiamo cercato di alternarli e sono andati bene entrambi. Abbiamo anche scoperto Torreira bomber e non ci sono dubbi su quello che lui può essere in futuro per questa squadra. Chiunque indosserà la maglia della Fiorentina ilprosismo anno dovrà sapere che ha il compito di migliorare la squadra.

Come sta Torreira?

Non ha giocato con la Roma perché non era riuscito ad allenarsi bene e perché ho voluto premiare Amrabat dopo la buona prestazione di Milano. Io premio quete cose, quando non l’ho fatto è stato un mio errrore. Qui non ci sono titolari inamovibili. Io non voglio caste di 11-12 titolari.

Cosa cambia andare in Europa per la prossima Fiorentina? Servirà per un mercato migliore o non cambierà molto?

Intanto dobbiamo arrivarci, quello è sacrosanto. Poi si vedrà. Sarà tutto un qualcosa di diverso. Ne parleremo dopo queste ultime due partite. Vogliamo aggiungere questa ciliegina e concentrarci su questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *