post

Fiorentina-Milan 1-1: sintesi e highlights

Sintesi partita

Nell’ultima partita del 2017 nonchè ultima del girone d’andata la Fiorentina ospita il Milan. Derby tra deluse al Franchi. Il nuovo Milan dei cinesi, dopo aver speso oltre 200 milioni nel mercato con l’obbiettivo di vincere lo scudetto si ritrova invece naufragato a metà classifica, proprio come la Fiorentina seppure partita con ben altre ambizioni rispetto ai rossoneri.

La Fiorentina è imbattuta da 6 giornate in campionato ma è stata sconfitta in Tim Cup dalla Lazio, sconfitta che ha determinato l’uscita dalla competizione. I rossoneri di Gattuso, invece, hanno strappato il biglietto per i quarti di finale vincendo il derby con l’Inter dopo i tempi supplementari.

Il Milan ritrova in porta Donnarumma ma deve fare a meno dell’ex Kalinic, fuori per infortunio. Al suo posto Cutrone, l’eroe di Coppa, suo il gol vittoria contro l’Inter.

Pioli invece decide a sorpresa di lasciare in panchina Federico Chiesa. Troppo stanco e svuotato mentalmente spiegherà poi il mister.

La partita inizia con il Milan che pensa solo a difendersi, ma la manovra viola è lenta e impacciata. Nessuno sembra in grado di far scattare la scintilla.

Al 19′ azione tutta francese, Laurinì serve Veretout sul secondo palo, colpo di testa dell’ex Nantes ma pallone sopra la traversa.

Prima mezz’ora che scorre via senza emozioni, la partita è noiosa. Fino al 39′ quando potrebbe arrivare la svolta della partita: Romagnoli stende Simeone lanciato a rete. L’arbitro ammonisce il milanista ma se fosse stata valutata come “chaira occasione da gol” per il rossonero ci sarebbe stato il rosso.

Prima del riposo altra occasione da gol per la Fiorentina: Gil Dias mette Simeone davanti a Donnarumma ma il portiere rossonero esce bene e chiude la porta. Pochi attimi prima dell’intervallo la Fiorentina va ancora vicina al gol: Gil Dias batte a rete di testa ma Donnarumma tocca il pallone quel poco che basta per mandare il pallone sulla traversa e poi in angolo.

Il primo tempo si chiude con un Milan inesistente e la Viola che non riesce a trovare il gol del vantaggio.

Dopo i primi minuti di noia del secondo tempo, al 54′ entra finalmente in campo Chiesa. Più tardi uscirà anche un sempre più deludente Benassi per lasciare il posto ad Eysseric che peraltro non riuscirà a fare meglio.

Al 71′ la prima svolta della partita: assist di Biraghi che trova a centro area la testa di Simeone. Il “figlio d’arte” non sbaglia e batte Donnarumma! Fiorentina finalmente in vantaggio! Sesto gol in campionato per Simeone.

Ma la squadra di Pioli si dimostra ancora una volta ingenua: passano appena 3 minuti, Suso spara in porta, Sportiello devia corto sui piedi di Calhanoglu che non fatica a trovare il gol del pareggio. Ingenuità di Sportiello ma anche di Chiesa che si perde il milanista.

La Fiorentina subisce il colpo e non riesce più ad essere davvero pericolosa. Finisce in parità l’ultima partita viola del 2017. Fiorentina che tiene dietro il Milan in classifica.

 

Tabellino di Fiorentina-Milan

FIORENTINA (4-3-3): Sportiello; Laurini, Pezzella (’73 V.Hugo), Astori, Biraghi; Benassi (’66 Eysseric), Badelj, Veretout; Gil Dias (’56 Chiesa), Simeone, Thereau.

Formazione MILAN (4-3-3): Donnarumma; Abate, Musacchio, Bonucci, Romagnoli; Kessie ’91 Locatelli), Montolivo, Bonaventura (’72 A.Silva); Borini (’53 Calhanoglu), Cutrone, Suso. Allenatore: Gattuso.

Marcatori: ’71 Simeone, ’74 Calhanoglu.

Ammoniti: Romagnoli, Veretout.

 

La partita a modo mio

E’ fin troppo facile dire che la Fiorentina ha buttato al vento l’ennesima occasione. I 3 punti avrebbero permesso di mettere a buona distanza il Milan e mantenere vive le speranze di trovare un posto in Europa League. Soprattutto dopo aver visto la “pochezza” di questo Milan che non si è mai davvero reso pericoloso. Una delle partite più brutte tra le due formazioni. Inutile stare anche a recriminare sulle scelte di Pioli: se avesse fatto giocare Chiesa dal primo minuto… o dare la colpa a Sportiello per quella che è stata, in effetti, una deviazione quantomeno “infelice”. No, non è questo il punto. La reltà è che questa Fiorentina dimostra ancora una volta di avere grandi difficoltà a creare gioco e di conseguenza a creare occasioni da gol. Il Milan ha festeggiato il punto conquistato a Firenze e questo la dice lunga sullo stato di forma dei rossoneri. La speranza è che con la chiusura dell’anno e l’arrivo del 2018 (la prossima sfida sarà contro l’Inter) qualche giocatore Viola come Benassi, Saponara, Eysseric e lo stesso Thereau possano ritrovare sè stessi e dare quel contributo nella Fiorentina che tutti si aspettano da loro. Sperando che nel frattempo non si perdano troppi “treni”.

 

BUON ANNO A TUTTI I TIFOSI VIOLA dal QFR

Highlights Match

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *