post

Il saluto di Beppe: “Fiorentina per sempre nel mio cuore”

Che sia o meno un grande allenatore in questo momento, non ci interessa. Almeno non più.

Quello che ci resta è il Beppe Iachini Uomo, che con stile e signorilità, valori sempre più rari, si congeda dalla Fiorentina, da Firenze e dai suoi tifosi con classe, lanciando messaggi di amore ai tifosi e ai suoi ormai ex ragazzi. Perfino alla società che gli ha dato il “benservito”.

Siamo certi che di colpe Iachini ne abbia, ma siamo altrettanto certi che altri personaggi ne abbiano forse più di lui.

Ormai non ci interessa più, ci resta l’amore incondizionato per il nostro Beppe, che per sempre resterà nei nostri cuori. E che dalla Fiorentina, almeno lui, può vantarsi di essere uscito a testa alta.

Sono legato, con orgoglio e fierezza, sin dal mio primo giorno da calciatore e negli indimenticabili momenti in campo con la fascia da capitano. Mi auguro che la Viola torni presto in campo con il supporto dei suoi straordinari tifosi, che ci sono mancati infinitamente e che rappresentano il patrimonio più grande di questo straordinario Club, per sempre nel mio cuore. Desidero ringraziare infinitamente l’appassionato e gentile presidente Rocco Commisso è tutta la sua famiglia per la magnifica opportunità che mi è stata data di allenare la Fiorentina – scrive Iachini nella nota -, una famiglia meravigliosa che per sempre rimarrà nel mio cuore, lo staff dirigenziale che mi è stato vicino in questi mesi a partire da Joe Barone e Daniele Prade, lo staff medico, il personale e tutte le straordinarie persone che con umiltà e passione lavorano all’interno di questo club e che ci hanno fatto sentire a casa ogni giorno. Resta il dispiacere di non allenare più la Fiorentina, ma al contempo provo molto affetto nei confronti della squadra, che desidero ringraziare apertamente. È un gruppo serio e speciale che durante questo complicato periodo di pandemia ha sempre dato prova di grande professionalità e disponibilità al sacrificio, grazie ragazzi

Di nuovo, mille volte grazie, Beppe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *